Il GAL “Aurunci e Valle dei Santi” ha pubblicato il bando volto a incentivare cooperazione, aggregazione e scambio di conoscenze tra Piccoli Operatori. L’agevolazione – a fondo perduto per il 100% dell’importo che non può superare la soglia massima di € 25.000,00 – si rivolge ai Comuni di Ausonia, Castelforte, Castelnuovo Parano, Coreno Ausonio, Esperia, Pignataro Interamna, Sant’Ambrogio sul Garigliano, San Giorgio a Liri, Sant’Apollinare, Sant’Andrea del Garigliano, Santi Cosma e Damiano, Spigno Saturnia, Vallemaio.

GAL Aurunci e Valle dei Santi: obiettivo della Misura 16.3.1

Il Gruppo di Azione Locale del Lazio appartenente all’area “Aurunci e Valle dei Santi”, attraverso la promozione del bando 16.3.1 e lo sviluppo di nuove forme di aggregazione innovative tra Piccoli Operatori, mira a ottenere il superamento degli svantaggi derivanti dalla frammentazione, l’accrescimento dell’offerta dei servizi nell’area del GAL, la diminuzione dei costi, il miglioramento della competitività, lo sviluppo e/o la commercializzazione dei servizi e prodotti riguardanti il turismo rurale ed eno-gastronomico, anche tramite l’impiego di nuove tecnologie e di servizi innovativi. La cooperazione tra Piccoli Operatori deve essere caratterizzata dalla condivisione, tra i soggetti partner, di: impianti e risorse per lo sviluppo di servizi riguardanti il turismo rurale; immobili; processi di lavoro; impianti e macchinari.

GAL Aurunci e Valle dei Santi: chi può partecipare?

La Misura 16.3.1 si rivolge a Piccoli Operatori dei settori agricolo, forestale, agroalimentare, turistico e servizi connessi al turismo che abbiano instaurato un rapporto di partenariato tra loro. Nello specifico le partnership devono essere costituiti da un numero minimo di 2 micro imprese e possono presentarsi anche nella forma di poli o reti di nuova costituzione o che abbiamo intrapreso una nuova attività.

Quali sono le spese finanziate?

Attraverso l’azione 16.3.1 verranno finanziate le seguenti spese: costi di costituzione ed esercizio della cooperazione, i costi per l’organizzazione dei  processi di lavoro in comune per la condivisione di impianti di lavorazione e trasformazione, studi di fattibilità, strategie di marketing, strategie di sviluppo, costituzione del partenariato (solo per i soggetti di nuova costituzione), atto costitutivo/contratto di cooperazione, spese di gestione, spese notarili e costi di registrazione degli accordi di cooperazione, costi dei materiali di consumo, costi per l’utilizzo di attrezzature e immobili, realizzazione di materiale informativo e promozionale, realizzazione di seminari informativi e formativi, partecipazione a fiere ed esposizioni.

Data di scadenza: Scadenza 04/11/2019 ore 23:59

Il nostro studio è a disposizione per offrire maggiori informazioni e consulenza al riguardo.