E’ stata pubblicata dal MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI, Il contributo a fondo perduto per le imprese agricole colpite da calamità naturali.

Il bando, in fase di attivazione, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e il decreto disciplina i criteri e le modalità per la concessione di aiuti a sostegno delle imprese agricole colpite dalle seguenti calamità naturali, verificatesi fino a tre anni prima della sua entrata in vigore: valanghe; frane; inondazioni; trombe d’aria; uragani; incendi di origine naturale; sisma ed eruzioni vulcaniche.

Calamità naturali: soggetti interessati e regolamento 

La misura è rivolta alle micro imprese, grandi imprese, PMI ed alle imprese attive nel settore della produzione agricola primaria, della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli.

Il bando prevede che:
a) L’intervento sia da realizzare su tutto il territorio nazionale;
b) Siano finanziabili gli interventi riguardanti la riparazione di immobili ad uso produttivo danneggiati, la loro demolizione e ricostruzione se distrutti, al fine di ristabilirne la piena funzionalità per l’attività delle imprese in essi stabilite, la costruzione, l’acquisto o il miglioramento di beni immobili finalizzati alla delocalizzazione definitiva dell’attività produttiva ricompresi gli investimenti eventualmente necessari a rendere definitive le strutture temporanee realizzate nella fase emergenziale;
c) La costruzione, l’acquisto o il miglioramento di beni immobili finalizzati alla delocalizzazione definitiva dell’attività produttiva riconducibile all’attività agrituristica o alle attività connesse all’agricoltura purché in rapporto di connessione con le attività di coltivazione del fondo, di silvicoltura e di allevamento di animali, ricompresi gli investimenti eventualmente necessari a rendere definitive le strutture temporanee realizzate nella fase emergenziale;
e) L’acquisto o noleggio, per la fornitura e l’installazione di impianti temporanei delocalizzati.

Inoltre sono considerati spese ammissibili, le spese relative alla compensazione di perdita di reddito dovuta alla sospensione totale o parziale dell’attività agrituristica.

Scadenza: La domanda attualmente è in fase di attivazione.

Il nostro studio resta a disposizione di quanti siano interessati ad avere ulteriori informazioni o a realizzare e presentare la domanda di partecipazione al bando

Resta sempre aggiornato e seguici su Facebook, in arrivo tante novità!!!