Eccoci alla quinta puntata di approfondimento sulle start up innovative. Oggi approfondiremo uno strumento che rappresenta una grande opportunità per le piccole start up innovative che si avviano: il work for equity.

Work for equity: cosa si intende?

Per “work for equity”, sia nelle start up che nelle SPA, si intende la remunerazione (pagamento) di consulenti, professionisti e, in generale, fornitori di opera e servizi (diversi dai lavoratori dipendenti e dai collaboratori continuativi), tramite l’assegnazione di azioni, quote o strumenti finanziari partecipativi.

Per incentivare l’utilizzo di queste forme di remunerazione, la disciplina speciale ha previsto rilevanti agevolazioni fiscali e contributive.

L’obiettivo del “work for equity” è favorire l’accesso delle startup a prestazioni professionali qualificate che, nella maggior parte dei casi, per la loro onerosità, non potrebbero essere altrimenti fruite dalle giovani imprese, le quali generalmente fronteggiano una carenza di liquidità.

Il “work for equity” può essere realizzato in tre forme:

Attraverso la cessione di azioni o quote proprie ai prestatori d’opera da parte della società; l’aumento di capitale a titolo gratuito con assegnazione di azioni o quote di nuova emissione ai prestatori d’opera; in alternativa l’amento di capitale a pagamento con assegnazione di azioni o quote di nuova emissione ai prestatori d’opera.

Lo strumento deve essere previsto nello statuto o in fase di costituzione o in fase successiva con modifica statutaria.

Prima dell’attivazione dello strumento è fondamentale eseguire delle procedure e fissare delle clausole contrattuali per regolare la collaborazione, ed esattamente:

  • stipulare un contratto scritto tra la start up e il prestatore d’opera dove individuare e pianificare le attività svolte e gli obiettivi da raggiungere;
  • redigere un business plan in grado di valorizzare la società e definire il valore economico della prestazione da svolgere e il futuro capitale sociale;
  • subordinare il diritto di acquisto ad una scadenza fissa o al raggiungimento di un determinato obiettivo;

In questa importante fase è fondamentale il supporto di un consulente fiscale e di un avvocato esperto nel settore.

Affidati a noi di ProEurope, il nostro staff ti seguirà passo passo nella costituzione e nella consulenza continua della tua start up innovativa.