Scadenza: Compilazione della richiesta da giorno 13 ottobre 2020 alle ore 10.00 fino al 27 ottobre 2020 alle ore 17.00. Le istruzioni per la conferma della richiesta arriverà tramite indirizzo di posta PEC e dovrà essere eseguita non oltre il 29 ottobre 2020.

POR FESR 2014/2020.Azione 3.3.4. La Regione Veneto eroga un finanziamento a fondo perduto fin ad un massimo del 70% per sostenere le piccole e medie imprese che hanno o dovranno apportare le modifiche di adattamento per le strutture turistico-ricettive in adeguamento alle prescrizioni igienico-sanitarie per la riapertura delle attività turistiche post Covid-19.

Il seguente bando è pubblicato sul B.U.R del 18 settembre 2020, alla pagina 344.

VENETO, FONDO PERDUTO STRUTTURE TURISTICO RICETTIVE, BENEFICIARI E REGOLAMENTI:

Hanno accesso alle domande di fondo perduto regione veneto strutture turistico-ricettive le micro, piccole e medie imprese (PMI), a prescindere dalla loro forma giuridica, che:

  1. In data 31 dicembre 2019 risultino “attive” regolarmente iscritte nel registro delle imprese o al E.A e attive presso la camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura competente del territorio. Le imprese con sede legale in altro Stato comunitario devono essere in possesso degli stessi requisiti in conformità alla legislazione in vigore.
  2. Nel territorio della regione del Veneto gestiscono e/o sono proprietari di strutture ricettive-attive e classificate in:
    1. Strutture ricettive alberghiere: alberghi o hotel, villaggi-albergo, residenze turistico-alberghiere, alberghi diffusi.
    2. Strutture ricettive all’aperto: villaggi turistici, campeggi.
    3. Le strutture ricettive complementari: alloggi turistici, case vacanze, strutture abitative arredate ad uso turistico, bed & breakfast e rifugi alpini.
    4. Strutture ricettive in ambienti naturali.

Ogni impresa può presentare una sola richiesta.

Gli interventi sono concessi dal seguente bando per sostegno di adeguamento alle strutture turistico-ricettive nel rispetto delle prescrizioni igienico-sanitarie previste dalle normative nazionali e dalle linee guida per la riapertura delle attività turistiche. Con ordinanza del presidente della giunta regionale del Veneto, in conseguenza da emergenza Covid-19.

In particolar modo sono ammesse le spese:

  • dirette al progetto, conformi all’attività dell’impresa, e con le finalità del bando.
  • Sostenute e pagate dalla persona beneficiaria per l’acquisto e l’istallazione di macchinari e dotazioni, e anche per la fornitura di servizi relativamente a:
    1. Macchinari e dotazioni per la sanificazione e igienizzazione (es. lampade UV, macchine da ozono, termo rilevatori, ecc.)
    2. Interventi da ditte specializzate per:
      • Pulizia e sanificazione delle strutture.
      • Sanificazione degli impianti di aria condizionata.
    3. Bagni chimici separati.
    4. Distanziatori e strumenti di protezione per offerta ristorativa.
    5. Dotazioni e presidi medico-sanitari e di primo soccorso.
    6. Materiali di igienizzazione e dispositivi di protezione individuali per il personale o il cliente. Le spese di questo punto non possono superare il 20% delle spese ammissibili.

Per trovare accoglimento gli interventi da finanziare devono essere stati attuati o essere attuati a partire dal 1 marzo 2020.

ENTITÁ E FORMA DELL’AGEVOLAZIONE:

Sono concessi gli interventi con importo complessivi di spesa non inferiore 5.000 e con un massimo di 20.000.

È fino al 70% il contributo concesso, in conto capitale delle spese ammissibili per la realizzazione del progetto.

Il nostro studio resta a disposizione di quanti siano interessati ad avere ulteriori informazioni o a realizzare e presentare la domanda di partecipazione al bando

Resta sempre aggiornato e seguici su Facebook, in arrivo tante novità!!!